Contatti
Redazione-

Ottima affluenza di pubblico al Comune di Velletri per il convegno sull’Endometriosi

Massimo Catalucci (Presidente GSDVD4.0): “Siamo grati all’amministrazione locale per aver ben recepito il nostro impegno sociale volto alla corretta informazione pubblica sull’endometriosi”.

Massimo Catalucci

Si è svolto lunedì 15 gennaio, presso la sala Tersicore del palazzo Comunale a Velletri (RM), il 5° convegno sull’endometriosi, organizzato dall’associazione “Gruppo Sociale Difesa Valori e Diritti 4.0“.

Ottima l’affluenza di pubblico, a dimostrazione di un forte interesse della collettività verso la tematica trattata. Così come è stata costruttiva l’interazione che ha avuto luogo tra chi sedeva in platea e i relatori presenti.

A fare gli “onori di casa” sono intervenute il Vice Sindaco Chiara Ercoli e l’Assessore alle Politiche Sociali, Ilaria Neri che hanno voluto evidenziare come queste iniziative di carattere sociale e ricche di contenuti di spessore, siano utili alla collettività che, in questo modo, può avere accesso a conoscenze di cui troppo spesso è ignara. Il Vice Sindaco e l’Assessore, hanno ribadito come sia importante svolgere in modo continuativo tali attività informative alle quali si deve coinvolgere anche una platea più giovane, facendo ricorso alle scuole, perché l’endometriosi è una malattia che colpisce anche giovani fanciulle in fase premestruale.

Chiara Ercoli

Dopo le due brevi introduzioni delle rappresentanti del Comune di Velletri, come da programma, si sono susseguiti gli interventi dei relatori, in particolare, quello molto atteso del Dott. Massimiliano Marziali, specializzato in ginecologia, ostetricia ed esperto in endometriosi.

Massimiliano Marziali

Nello specifico, è stato utile per tutti ascoltare le tante interessanti domande che molte donne, dalla platea, hanno rivolto al Dott. Marziali e soprattutto, è stato illuminante ascoltare le sue risposte ai quesiti proposti, perché hanno permesso di chiarire lati ancora oscuri di una patologia altamente invalidante e difficile da diagnosticare.

“Con l’istituzione di questo gruppo di lavoro – ha aggiunto il Dott. Marziali – ci prefiggiamo di tracciare delle linee guida di un progetto che deve coinvolgere l’istituzione sanitaria nazionale, con l’obiettivo che si possano strutturare nelle ASL territoriali degli ‘hub‘ preposti, in primo luogo, all’accoglienza delle donne affette da endometriosi o che sospettano di esserlo e, di conseguenza, all’orientamento delle stesse in strutture sanitarie e socio-sanitarie, laboratori di analisi cliniche e di diagnostica strumentale. In questo modo – conclude il Dott. Marziali – andremo a soddisfare le esigenze di chi vive tale patologia, con dei centri realmente specializzati nella diagnosi e cura dell’endometriosi.”

“In questa sede – ha commentato il Dott. Massimo Catalucci, presidente del Gruppo Sociale Difesa Valori e Diritti 4.0 – così come in tutti gli altri convegni che sono parte integrante del nostro progetto pilota di sensibilizzazione e volto alla consapevolezza della collettività in merito all’endometriosi, il fine primario che ci siamo prefissi di perseguire è quello di portare ai cittadini l’informazione corretta in merito a cos’è esattamente questa patologia, chi colpisce, come riconoscerla e come affrontarla. Ringrazio, sentitamente, l’amministrazione locale della città di Velletri – ha aggiunto il Dott. Catalucci – per la splendida ospitalità che ci ha riservato ma soprattutto la ringrazio per aver ben recepito il nostro impegno sociale volto alla corretta informazione pubblica sull’endometriosi, adoperandosi affinché all’evento partecipasse un buon numero di cittadini. Un doveroso e sentito ringraziamento – conclude il presidente –  va a tutti i relatori che da quasi un anno a questa parte, siedono accanto a noi ai tavoli di lavoro nei nostri convegni, in questo viaggio volto alla conoscenza e alla consapevolezza dell’endometriosi.”

“Il nostro impegno – ha proseguito Moira Masi, coordinatrice regionale del Lazio per il Gruppo Sociale Difesa Valori e Diritti 4.0 – è quello di aggregare sempre più persone intorno al nostro sodalizio, perché l’impegno sociale profuso dal nostro ente non si esaurisce con il progetto pilota legato all’endometriosi ma vuole proporsi come contenitore nel quale far convergere le istanze dei cittadini e porle poi, all’attenzione delle forze di governo nazionali e locali, affinché si trovino soluzioni adeguate a risolvere i problemi che ci vengono presentati dalla collettività. Nell’occasione della tematica che stiamo affrontando – prosegue Masi – relativa all’endometriosi, in attesa che vengano istituiti degli ‘hub’ per l’accoglienza e l’orientamento delle donne che sospettano si essere affette da endometriosi o che hanno riscontrato di averla in atto, intanto, grazie ai nostri convegni su questa invalidante patologia, stiamo diventando un punto di riferimento per molte di loro che ci contattano per avere, appunto, un orientamento in merito a chi possono rivolgersi nel campo medico, per avere una consulenza specialistica. E questo – conclude Masi – è un onore per noi perché testimonia che stiamo perseguendo nel modo giusto il fine che ci siamo prefissi di raggiungere, ovvero, fare una corretta informazione e sostenere le donne colpite da questa patologia nella ricerca di un percorso sanitario e socio sanitario adeguato alla loro causa.”  

Moira Masi

All’evento avrebbe dovuto presenziare anche il Senatore Andrea De Priamo, primo firmatario del Ddl S.630 – Disposizioni per la diagnosi e la cura dell’endometriosi – ma ha dovuto disdire per altri impegni che non gli hanno permesso di essere presente fisicamente. Tuttavia, il Senatore ha voluto dare il proprio contributo, come del resto ha già fatto in altri convegni sull’endometriosi organizzati dal Gruppo Sociale Difesa Valori e Diritti 4.0 e ci ha tenuto ad essere presente a Velletri, con un video messaggio che è stato proiettato in sala nel corso dell’evento e che è visibile a questo link: https://www.meridiananotizie.it/wp-content/uploads/2024/01/Video-messaggio-Senatore-De-Priamo_Conveno-endometriosi_Velletri_2024_01_15.mp4 .

A conclusione degli interventi in programma previsti nella giornata di ieri, il Consigliere Regionale del Lazio, Marika Rotondi presidente, altresì, della Commissione speciale Semplificazione amministrativa , ha voluto sottolineare l’impegno profuso dall’ente organizzatore dei convegni sull’endometriosi e l’impegno che lei stessa si è assunta, di fare in modo che la Regione Lazio, recepisca la direttiva del 2005 del Parlamento europeo, descritta nella Written Declaration on Endometriosis, in ragione dell’informazione e della formazione medica riguardanti la patologia qui trattata.

Marika Rotondi

“Sento il dovere e al contempo ne ho piacere – commenta il Consigliere regionale Marika Rotondi – di sottolineare il grande lavoro di divulgazione di una corretta informazione sull’endometriosi, che il ‘Gruppo Sociale Difesa Valori e Diritti 4.0’ sta portando avanti nei territori della nostra regione, grazie anche ai comuni che ospitano eventi come quello cui stiamo partecipando oggi. Da parte mia – prosegue Rotondi – mi sto impegnando al massimo in regione Lazio, affinché si possano concretizzare i presupposti per dare luogo alla realizzazione di punti di accoglienza ed orientamento per le donne affette da endometriosi, così come, riguardo una formazione specifica per gli operatori di prima accoglienza e soprattutto per tutta la classe medica e paramedica. Il nostro presidente Francesco Rocca – aggiunge il Consigliere – si è dimostrato molto sensibile alla causa che stiamo portando avanti in ragione della tutela dei diritti delle donne colpite da endometriosi e del riconoscimento che si deve a tale patologia e per cui ad oggi non vi sono garanzie concrete in termini di tutela di tutte loro che subiscono le conseguenze dell’endometriosi, malattia cronica e altamente invalidante. Per cui sono molto fiduciosa che presto riusciremo a portare a termine un progetto così ambizioso e importante iniziato appena pochi mesi fa da questo gruppo di lavoro – ha concluso Rotondi.”

Nel corso dell’evento è stato toccante e significativo, l’intervento della Dott.ssa Eleonora Crocetta (logopedista) che ha voluto testimoniare, pubblicamente, il disagio vissuto per 10 anni, questo il tempo che ha trascorso con l’endometriosi, prima che riuscisse ad avere una diagnosi certa della patologia che l’ha colpita.

Eleonora Crocetta

Per chi volesse entrare in contatto con il Gruppo Sociale Difesa Valori e Diritti 4.0 ed avere indicazioni riguardo i prossimi convegni sull’endometriosi e/o sapere a chi rivolgersi nel caso si sospetti di essere affette da tale patologia, di seguito evidenziamo il loro indirizzo e-mail: info.ass.gsdvd4.0@gmail.com . E’ anche attiva una pagina Facebook visibile, digitando nella casella di ricerca nel social poc’anzi citato, il nome per esteso dell’associazione, già su menzionato. In questa vetrina multimediale, vengono pubblicate tutte le iniziative promosse dallo stesso ente.