Contatti
Clara Mennella-

Per l’Unione Ristoranti del Buon Ricordo Il 2024 è l’anno del sessantennale

Il 2024 sarà un anno molto importante per il Buon Ricordo. L’associazione compirà infatti 60 anni e festeggerà questo felice traguardo con un evento da record, “100 Chef per una sera”, che si preannuncia memorabile come lo era stata la Cena per i 50 anni tenutasi nel centro storico di Parma. Come allora, a cucinare per 1000 commensali accomodati a un’unica, lunghissima ed elegante tavolata (che allora era stata di 300 metri) saranno 100 Chef del Buon Ricordo. Incantevole la cornice, Vietri sul Mare, Città della Ceramica a cui il Buon Ricordo è da sempre legato, dato che qui sono realizzati da sempre i suoi famosi piatti. Infatti l’idea che ha dato il nome all’Unione è oggi come un tempo il piatto-simbolo dipinto a mano dagli artigiani della Ceramica Artistica Solimene di Vietri sul Mare, su cui è effigiata la specialità del locale. Il piatto viene donato a chi degusta il Menu del Buon Ricordo affinché porti con sé a casa il ricordo della piacevole esperienza gastronomica.

Da sinistra: Luciano Spigaroli, Gerry Scotti, Francesca Solimene, Cesare Carbone

Fondata nel 1964 da Dino Villani, uomo di cultura e maestro di comunicazione, l’Unione dei Ristoranti del Buon Ricordo è cresciuta nel tempo fino ad arrivare ai 112 locali (di cui 11 all’estero fra Europa, Stati Uniti e Giappone) attuali, rimanendo fedele all’idea iniziale che era quella di salvaguardare e valorizzare le tante tradizioni e culture gastronomiche italiane, che allora correvano il rischio di perdersi sotto la spinta dell’omologazione del gusto e la moda della cosiddetta cucina internazionale… idea quanto mai attuale.

Oggi il Consiglio direttivo della squadra formato dal Presidente Cesare Carbone del Ristorante Manuelina di Recco (GE), Vicepresidente è Giovanna Guidetti dell’Osteria La Fefa di Finale Emilia (MO) mentre il Segretario Generale Operativo è Luciano Spigaroli del ristorante Al Cavallino Bianco di Polesine Zibello (PR)

Fra le novità del sessantennale c’è l’istituzione del Piatto del Buon Ricordo d’Oro, che sarà attribuito a partire da quest’anno a un personaggio che condivide con il Buon Ricordo l’idea di preservare e valorizzare la cucina della tradizione regionale italiana. Il primo Piatto del Buon Ricordo d’Oro 2023 è stato assegnato a Gerry Scotti, uno dei volti televisivi più noti e amati di sempre, raffinato gourmet, intenditore ed amante delle cose buone, eccellente conoscitore dei prodotti e della cucina italiani.

Gli 8 piatti new entry

Durante la convention annuale di fine 2023 sono stati annunciate 8 new entry con le loro specialità, a questo link l’elenco completo:

www.buonricordo.com/editoriale/vi-presentiamo-i-nuovi-ristoranti-che-siamo-felici-di-avere-con-noi-nellunione-ristoranti-del-buon-ricordo

Per conoscere da vicino i Ristoranti del Buon Ricordo e le loro specialità, si può consultare il sito www.buonricordo.com o sfogliare la Guida 2024 appena pubblicata, in distribuzione gratuita nei ristoranti associati e scaricabile dal sito, dove si trovano anche gli Hotel, che hanno al loro interno un ristorante del Buon Ricordo. In ogni scheda un QR Code riporta al sito del ristorante, in modo che si possono avere tutte le informazioni a portata di click.